RedBlueDark SmallMediumLarge NarrowWideFluid
Nobel e diseguaglianze PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Sabato 11 Ottobre 2014 15:07

Di Carlo Di Stanislao Il Nobel per la letteratura a Patrick Modiano (il 15° alla Francia, a partire dai tre ad altrettanti membri della famiglia Curie) e quello per la Pace a Malala Yousafzai, ci dicono che recuperare la memoria per interpretare e migliorare il presente e lottare contro ogni forma di repressione

 

sono le due esigenze del mondo di oggi, un mondo che attende un investimento sui più giovani da parte di adulti in grado di recuperare gli errori commessi ed emendarli. Superare le ombre senza cancellarle e fare pace con i propri errori emendandoli è lo scopo di Patrick Modiano, che vinse il Goncourt nel 1978 con “Rue des boutiques obscures”,  il Bottai Grinzane Cavour nel 1998 con “Dora Bruder” ed ha pubblicato in Italia per Einaudi “Un pedigree”, “Nel caffè della gioventù perduta” e “L’orizzonte”, mentre, in primavera, uscirà, per lo stesso editore torinese, “Arcipelago”).

Ciò che è comune a questo Simenon dell’onirico e Proust dei tempi moderni, sia come scrittore che come sceneggiatore” (si pensi a “Arrivederci ragazzi” e “Cognome e nome: Lacombe Lucien” di Louis Malle) e la giovane pakistana Malala Yousafzai, sopravvissuta a un attentato dei talebani ed indomita eroina della lotta contro i baby schiavi, è il tentativo di superare le diseguaglianze, lo stesso tema che affronta, ma in modo storico e tecnico, Capital in the Twenty-First Century (Il Capitale nel ventunesimo secolo, o nell’originale in francese Le capital au XXIe siècle), libro scritto da Thomas Piketty, il primo in clasifica su Amazon e considerato il più importante degli ultimi anni da Barack Obama, libro certamente improntato ad una moderna visione della sinistra, che parla di disuguaglianza e si confronta apertamente con le teorie marxiste, senza però prendere derive anticapitaliste o contro la proprietà privata.

I liberal americani si sono innamorati del testo (di quasi 700 pagine) e della sua analisi di 20 anni di economia mondiali attraverso gli ultimi due secoli, fatta con dati concreti e ricerche dettagliate, ma senza dimenticare Balzac e la sua analisi dei molti volti della umanità.

Un libro dove si propone una tassa sulla ricchezza e che lo fa con argomentazioni condivise dal premio Nobel per l’economia Paul Krugman e da Jordan Weissmann, uno dei maggiori economisti viventi. Nel libro, non ancora pubblicato in Italia, si smontano le teorie di coloro i quali sostengono che non dovremmo essere nervosi quando parliamo di disuguaglianza perché le élite globali sono formate da gente che ha lavorato e da ricchi che la loro ricchezza se la sono guadagnata: hanno meritato i loro spropositati stipendi con le loro eccellenti abilità tecniche e il loro talento negli affari.

A questa posizione, il libro di Piketty offre una semplice ma netta risposta: sarà anche vero che i ricchi di oggi hanno lavorato per la loro ricchezza, ma quelli di domani non avranno il bisogno di farlo. Già oggi, sostiene Piketty, i ricchi guadagnano più dalla rendita della loro ricchezza che dal loro lavoro. Proprio come gli spietati e spregiudicati uomini d’affari della fine dell’Ottocento avevano lasciato spazio a quella generazione di ricchi ereditieri magistralmente descritta nel Grande Gatsby, i CEO e gli amministratori di hedge found di oggi produrranno una generazione che, messa semplicemente, avrà vinto alla lotteria della nascita.

Commentando questo libro dalla parte Italiana, Valentina Magri ha ricordato che in Italia vi sono diseguaglianze varie: fra classi sociali, generazioni, mercato del lavoro, regioni, opportunità e scritto che, come emerge nell’ultima “Indagine sui bilanci delle famiglie italiane”di Bankitalia, nel lungo periodo, la dinamica della ricchezza delle famiglie con capofamiglia più anziano è migliore rispetto a quelle con capofamiglia più giovane.

Del resto, la generazione dei padri è entrata nel mercato del lavoro nel momento del boom economico mondiale e italiano. Inoltre, essendo i padri a loro volta figli dei baby boomers (la generazione dei nostri nonni, molto prolifica, come suggerisce il nome) possono contare su una rete familiare numerosa e quindi su un maggiore sostegno economico in caso di difficoltà. Quindi torniamo ai temi di Modiano e alla lotta della piccola tenace Malala, contro padri disennati e tirannici che strangolano i figli perpetuando ingiustizie e diseguaglianze che, infine, affossano intere economia e società.


Ultimo aggiornamento Sabato 11 Ottobre 2014 15:22
 

All'interno del sito

il blog di marenostrum"E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Il blog del Direttore Giuseppe Di Claudio.

L'attualità, la politica, il costume, la società: piccole dosi di quotidianità commentate dal direttore della Rivista. Commenta i post, vota il tuo preferito per lasciare traccia dei tuoi gusti e visita l'archivio storico degli interventi.

Il cerca-notizie!

Consulta i nostri RSS, le notizie comparate tra i vari media italiani e spagnoli.

Con un solo strumento ora è possibile verificare come i media delle due nazioni affrontano lo stesso tema, scelto da te.

Marenostrum è la vetrina delle eccellenze del made in Italy in Spagna

Naviga i contenuti

Presentazione del premio giornalistico internazionale "Gaetano Scardocchia" - Prima edizione anno 2009. 4 maggio 2009.

I video dei ristoranti di Marenostrum

Grazie Mille, italian Bar Madrid
Panettoni
hoteles NH España