RedBlueDark SmallMediumLarge NarrowWideFluid
Tutelare le lauree italiane all'estero

Scritto da Giuseppe Di Claudio, 13-09-2008 08:07

Pagina vista : 4345    

Favoriti : 226

Salvaguardare le lauree conseguite in Italia nei Paesi all’estero è l’obiettivo di Maurizio Tani che coordina online un sito (www.mauriziotani.eu/cogivale.htm) in cui raccoglie la casistica, ospita commenti e richieste di aiuto di laureati italiani, anche residenti all’estero, che non si vedono riconosciuto il titolo in Europa, e in cui, infine, pubblica una petizione al Governo italiano affinché "difenda le lauree "vecchio ordinamento" negli altri Paesi dell’Ue".

"I sottoscritti cittadini della Repubblica Italiana (residenti all'estero e non) – si legge nella petizione - chiedono al Governo del detto Stato sovrano, a cui hanno delegato la rappresentanza presso gli organismi internazionali, la firma dei trattati a loro nome e la supervisione del rispetto delle clausole e degli impegni previsti in essi, di impegnarsi da subito affinché, alla prima occasione (vale a dire, incontro tra capi di stato, firma di trattati, riunioni di ministri della cultura e/o dell'università, riunioni di lavoro nell'ambito del "Processo di Bologna", incontri di rappresentati delle agenzie europee NARIC/ENIC, altra riunione di livello europeo - EU, Consiglio d'Europa, ecc... - utile) si ponga fine alla scandalosa discriminazione cui vengono sottoposti in molti paesi europei (per lo meno Francia, Regno Unito, Danimarca, Svezia, Norvegia, Islanda) i cittadini italiani in possesso di laurea di 4 anni nominali "vecchio ordinamento", che in Italia ha valore di 300 crediti ECTS ma che nei suddetti paesi ha valore di fatto ridotto a 180 crediti ECTS".

"In particolare – recita la petizione – si chiede che 1) vanga discussa SUBITO l'interrogazione a risposta scritta n. 4-02748 presentata da Arnold Cassola al Parlamento della Repubblica Italiana in data 1 marzo 2007, che da allora attende una risposta dal ministro dell'Università e quindi dal Governo in carica; 2) si rilasci da SUBITO un "supplemento di diploma" (previsto dalla Convenzione di Lisbona") in cui si descrivano analiticamente e in tutte le lingue dell'UE (+ altre lingue importanti come l'arabo, il turco, il cinese, il russo, ...) le caratteristiche delle "vecchie lauree" (periodo esami, pesi didattici, periodo di tesi, modalità di svolgimento di esami, prove e verifiche linguistiche) tenendo conto delle informazioni fornite di singoli atenei e dalle singole facoltà (non limitandosi a striminzite descrizioni generali in burocratese); 3) si avvii un processo di verifica sull'effettivo rispetto da parte dei paesi esteri della "Convenzione di Lisbona" del 1997, in cui si impongono precisi impegni sulla valutazione «appropriata» dei titoli di studio italiani (articolo III.1.1) 4) si avvii un processo di verifica sull'operato di quegli organi pubblici (prima di tutto Agenzia del NARIC/ENIC italiana) che hanno fallito nel difendere il valore delle lauree italiane all'estero, al fine di individuare eventuali omissioni e mancanze da parte dei detti organi. 5) il governo si impegni a non rinnovare gli accordi scientifico-culturali con quei paesi che non riconoscono a 300 crediti ECTS le lauree italiane vecchio ordinamento".

Chi è interessato ad aderire all'appello può inviare un'e-mail a mauriziotani@yahoo.it con il seguente testo: "Aderisco all'appello al Governo italiano pubblicato sul sito www.mauriziotani.eu/cogivale, da me visionata in data ___________, in fede, [Nome, Cognome, indirizzo di posta elettronica del firmatario]".


   
Cita questo articolo in un sito web
Favoriti
Stampa
Invia ad un amico
Articoli relazionati
Salva l'articolo in del.icio.us

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valuazione utenti

   (0 voto)

 


Aggiungi il tuo commento
Nome
E-mail
Titolo  
 
Commento
 
Caratteri rimasti: 600
   Avvisami per email se questo commento è seguito
  Mathguard security question:
T3P         9QT      
  W    U      P   AA9
  J   T4P     5      
  H    3      Y   UIC
  P           T      
   
   

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.8 © 2007-2017 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
Tutelare le lauree italiane all'estero
PDF
Ultimo aggiornamento Sabato 13 Settembre 2008 08:13
 

All'interno del sito

il blog di marenostrum"E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Il blog del Direttore Giuseppe Di Claudio.

L'attualità, la politica, il costume, la società: piccole dosi di quotidianità commentate dal direttore della Rivista. Commenta i post, vota il tuo preferito per lasciare traccia dei tuoi gusti e visita l'archivio storico degli interventi.

Il cerca-notizie!

Consulta i nostri RSS, le notizie comparate tra i vari media italiani e spagnoli.

Con un solo strumento ora è possibile verificare come i media delle due nazioni affrontano lo stesso tema, scelto da te. 

Marenostrum è la vetrina delle eccellenze del made in Italy in Spagna

Naviga i contenuti

Presentazione del premio giornalistico internazionale "Gaetano Scardocchia" - Prima edizione anno 2009. 4 maggio 2009.

I video dei ristoranti di Marenostrum

Grazie Mille, italian Bar Madrid
Panettoni
hoteles NH España