RedBlueDark SmallMediumLarge NarrowWideFluid
Giustizia: Ingroia, diritto di critica. Stessa intolleranza con Borsellino PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Di Claudio   
Lunedì 14 Marzo 2011 11:35

La presenza del PM Ingroia alla manifestazione di Roma a difesa della Costituzione, ha sollevato polemiche nella maggioranza.  No del CSM a provvedimenti disciplinari.

 

''Non era una manifestazione di partito, ma un'iniziativa a difesa della Costituzione. Non vedo nulla di strano che un magistrato vi partecipi e dica la sua su un progetto di riforma costituzionale della giustizia. La magistratura non vuole sostituirsi al potere legislativo ma nel rispetto del potere legislativo un magistrato puo' esprimere il suo punto di vista tecnico su scelte che rischiano di essere uno strappo rispetto ai principi fondanti dell'assetto costituzionale della giustizia e ai diritti fondamentali dei cittadini''.

E' quanto sostiene il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, difendendo il proprio intervento al ''Costituzione-day'', in una intervista rilasciata a La Repubblica. ''Ci sono tanti italiani vittime di una disinformazione massiccia - prosegue ancora Ingroia - la stessa che anni fa attacco' Paolo Borsellino quando fece una denuncia pubblica sul calo di tensione nella lotta alla mafia. Era una denuncia che investiva contemporaneamente la politica e la magistratura.

L'attacco - prosegue - fu non sui contenuti ma direttamente alla sua persona. Oggi vedo la stessa intolleranza, con uno spiegamento di uomini e mezzi molto piu' massiccio''. Circa gli attacchi del presidente del Consiglio, ''non ci si puo' abituare - afferma - a questi attacchi a testa bassa''.

In un'altra intervista, rilasciata al quotidiano La Stampa, Ingroia apprezza l'intervento in sua solidarieta' del ministro Alfano ma mantiene ''forti riserve sulla sua linea di legislazione giudiziaria: ha promosso o avallato iniziative del premier sulle intercettazioni e sulla cosiddetta riforma della giustizia. Riforma per cosi' dire perche' in realta' e' una controriforma, che non serve ai cittadini''. Il magistrato esclude infine qualsiasi tentazione ad entrare in politica: ''Fino a quando potro' fare il magistrato in autonomia e con serenita' non lascero' mai il mio lavoro''.

Il Csm avvii una ''seria riflessione'' sulle esternazioni del pm Antonio Ingroia, rilasciate sabato durante la manifestazione ''politica'' in difesa della Costituzione, essendo lui stesso ''il primo a coltivare la diseguaglianza'' che denuncia in merito alla riforma della giustizia. A chiederlo e' il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto.

''Il dott. Ingroia ha condannato nel corso di una manifestazione politica indetta contro il governo, l'ineguaglianza che sarebbe provocata dalla riforma Alfano, ma il primo a coltivare la diseguaglianza a suo favore e' proprio lui. Da un lato, infatti - scrive Cicchitto in una nota -, Ingroia gode dei rilevanti poteri di cui usufruisce chi fa parte della magistratura inquirente con le ben note ricadute sulla liberta' delle persone, sui mezzi di comunicazione attraverso delicatissimi processi riguardanti i rapporti mafia-politica -cioe' gode di poteri quali nessun politico si sogna di avere e che possono essere esercitati solo da chi, essendo magistrato, e' realmente terzo e autonomo rispetto a tutte le parti processuali o politiche in campo - e per altro verso egli fa politica in proprio quasi a tempo pieno con manifestazioni, articoli, interviste, libri e presentazioni di libri.

Qui non e' in discussione la liberta' di opinione, ma la prevaricazione determinata da un potere giudiziario gestito nella commistione con l'azione politica. Su questo nodo il Csm deve aprire una seria riflessione altrimenti dobbiamo prendere atto che lo stato di diritto e' finito''. ''Un'ultima osservazione: cosi' come un politico farebbe un atto di straordinaria presunzione paragonandosi a Giacomo Matteotti, cosi' qualsiasi magistrato, anche il piu' meritevole, fa davvero un fuori d'opera se paragona se' stesso a quel gigante che e' stato Paolo Borsellino'', conclude il presidente dei deputati Pdl.

Ma il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, 'assolve' il procuratore aggiunto della procura distrettuale antimafia di Palermo, Antonio Ingroia: "Credo che la situazione sia tale per cui si debba consentire a tutti di dire liberamente ciò che pensano a proposito di questa riforma che incide in modo molto forte sulla vita dei magistrati", ha osservato a SkyTg24. "Presiedo la sezione disciplinare e preferisco non esprimermi nel merito della vicenda che potrebbe avere anche un seguito", ha detto Vietti commentando la prima pagine del Giornale che oggi chiede le dimissioni di Ingroia.

"Raccomanderei- ha aggiunto Vietti - su questa materia grande prudenza, equilibrio e sobrietà a tutti, magistrati, politici e giornalisti. Si tratta di un intervento molto radicale: questa riforma non è manutenzione ordinaria, è una ristrutturazione profonda del sistema". "Le sanzioni nei confronti dei magistrati - ha osservato - sono tipizzate e non prevedono le dimissioni, che sono un atto autonomo dell'interessato, ma prevedono formule diverse. Io credo che la situazione sia tale per cui si debba consentire a tutti di dire liberamente ciò che pensano a proposito di questa riforma che incide in modo molto forte sulla vita dei magistrati"... .


Ultimo aggiornamento Lunedì 14 Marzo 2011 11:57
 

All'interno del sito

il blog di marenostrum"E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Il blog del Direttore Giuseppe Di Claudio.

L'attualità, la politica, il costume, la società: piccole dosi di quotidianità commentate dal direttore della Rivista. Commenta i post, vota il tuo preferito per lasciare traccia dei tuoi gusti e visita l'archivio storico degli interventi.

Il cerca-notizie!

Consulta i nostri RSS, le notizie comparate tra i vari media italiani e spagnoli.

Con un solo strumento ora è possibile verificare come i media delle due nazioni affrontano lo stesso tema, scelto da te.

Marenostrum è la vetrina delle eccellenze del made in Italy in Spagna

Naviga i contenuti

Presentazione del premio giornalistico internazionale "Gaetano Scardocchia" - Prima edizione anno 2009. 4 maggio 2009.

I video dei ristoranti di Marenostrum

Panettoni
Grazie Mille, italian Bar Madrid
hoteles NH España