RedBlueDark SmallMediumLarge NarrowWideFluid
In vista delle elezioni nascono nuove forze politiche PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Di Claudio   
Mercoledì 21 Novembre 2012 11:35

La settimana politica inizia con una insolita frenesia in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. Le forze politica cominciano a prendere posizione e chi è fuori si costruisce un partito ad hoc convinti che si tornerà a votare con il "Porcellum".

 

Apre le danze Donadi (ex IDV) che annuncia la formazione di una nuova forza politica. ''E' stato atto di lucida follia provare a mettere in piedi un soggetto politico nuovo saldamente all'interno del centrosinistra, per arricchirlo dove oggi ha piu' bisogno di rafforzare la propria offerta programmatica. L'Idv e' sempre stato uno dei pilastri del centrosinistra, oggi alcune scelte lo hanno allontanato.

Domani presenteremo nome e simbolo e la ragione di esistere di questa nuova forza politica che nasce da tanti giovani e da tanta voglia di cambiare. Senza soldi, senza sponsor ma con la passione e con l'impegno civile''.

Lo annuncia il deputato Massimo Donadi (ex Idv) a Tgcom24, parlando della nuova formazione che sta mettendo in campo. ''Vogliamo essere il partito con le norme piu' avanzate di una buona democrazia europea - aggiunge -: oggi bisogna mettere via i partiti personalistici, con i nomi nei simboli, con un giocare tutto sulla presenza mediatica.

L'Italia ha bisogno di squadre e di persone che stiano dietro le scrivanie piuttosto che in tv. Non ci sara' nessun nome di un protagonista della politica ma tanta voglia di lavorare e di mettersi in gioco. Come modello abbiamo Hollande, che alla fine ha dimostrato che non contano le apparizioni tv e i racconti fatti ma la capacita' di lavorare con serieta'. Vedremo di essere un partito ''anti', non anti politica, ovviamente. Ci rivolgiamo alla gente normale che la mattina ha il problema dei figli senza lavoro e di uno stipendio con cui e' sempre piu' difficile far quadrare i conti. Domani faremo la conferenza stampa ma avremo anche la nostra componente Parlamentare, sia alla Camera che al Senato''.

Bruno Tabacci se la prende con Casini, suo ex alleato, e gli addebita le responsabilità per il mancato decollo del Centro.

''Il centro? Il centro, non c'e' piu'. Il centro, il Terzo Polo l'ha suicidato Casini''. Cosi' Bruno Tabacci questa mattina a Omnibus su La7, ribadendo che in ogni caso ''restera' nella coalizione di centrosinistra''. ''Ho sollecitato Casini a partecipare fin dall'inizio a questa consultazione per portare il suo contributo - ha ricordato Tabacci - invece di stare tatticamente in una posizione di attendismo, perche' credo che dobbiamo questa scelta agli italiani, non possiamo farla dopo''.

E ha chiarito: ''Il movimento che ho messo in campo, Italia concreta e che comprende anche l'Api, sta nel centrosinistra''. E Rutelli? ''Anche lui e' nel centrosinistra''. Alla domanda su chi pensa vincera' le primarie, Tabacci replica: ''Questa e' una domanda a cui non posso rispondere, non voglio fare un endorsement per me stesso, non sarebbe elegante. Vediamo quanta gente va a votare, intanto il dibattito ha dimostrato che, se stimolata, la politica puo' dare anche delle risposte. Secondo i sondaggi il Pd e' cresciuto - ha concluso - quindi sono stato un donatore di sangue''.

Sulla legge elettorale interviene Calderoli, padre del "Porcellum". ''Questo e' l'ultimo, ma l'ultimo tentativo. Sono esaurito. E' difficile, quasi impossibile, mettere insieme gli interessi di tanti. Continuano a pensare a casa propria e non al bene del Paese''. Cosi' Roberto Calderoli, senatore della Lega Nord e autore del porcellum, intervistato dal quotidiano ''La Repubblica'', parla della legge elettorale, che approdera' in Aula del Senato il 28 novembre.

Se si modificasse il porcellum inserendo solo la soglia richiesta dalla Consulta per ottenere il premio, spiega Calderoli, ''sarebbe il disastro totale. La legge attuale almeno garantiva la governabilita' e il sapere subito chi ha vinto. In questo modo ci si terrebbero liste bloccate e sbarramenti diversi. Se vogliono fare 10 volte peggio di quel che succede in Grecia, cosi' ci riescono''. Invece, ''nella legge che stiamo discutendo ci sono due terzi di preferenze e un terzo di liste bloccate'' e per tutti ''il metodo e' giusto, la filosofia e' giusta, poi pero' quando si passa ai numeri, battono in ritirata''.

Purtroppo ''su quello che stiamo facendo stanno giocando e pensando molto le primarie'', ma dopo domenica ''sono convinto che la mia proposta andra' bene anche al Pd''. Secondo Calderoli, quella sulla legge elettorale, ''non e' neanche piu' una mediazione. E' una riscrittura che si propone di garantire la governabilita' del Paese'' ed ''entro le 10 di questa mattina dovrano dirmi se posso formalizzare la proposta'' che prevede ''non piu' un solo premio di maggioranza'' ma ''tre scaglioni, tre premi diversi che scattano a seconda del risultato ottenuto. Sopra il 40% dei voti si ha la maggioranza assoluta dei seggi, al di sotto c'e' un sistema proporzionale e progressivo che spinge a fare in modo che si formino delle coalizioni, senza pero' costringere a farle''.

Dunque, ''la legge che ho in mente fa in modo che una coalizione possa vincere, se non con la maggioranza assoluta, grazie all'accordo con un partito. Non posso prevedere cosa fara' l'elettorato'' ma ''ho fatto le simulazioni e adesso loro sanno cosa succede''. Insomma, conclude, il proporzionale puro e' scongiurato ''sarebbe scattato con un'unica soglia, molto alta, al di sopra della quale dare il premio. Io invece i premi li faccio scattare prima, e il risultato e' una disproporzionalita' progressiva. Piu' voti ottieni, piu' sale il premio''.

''Una cosa e' certa: la prossima settimana, anche lavorando venerdi' o sabato il testo sulla riforma della legge elettorale sara' definitivamente votato dal Senato in Aula. Mi auguro con grandi numeri di convergenza''. La speranza e' l'ultima a morire''. Parola di Schifani!


Ultimo aggiornamento Mercoledì 21 Novembre 2012 11:58
 

All'interno del sito

il blog di marenostrum"E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Il blog del Direttore Giuseppe Di Claudio.

L'attualità, la politica, il costume, la società: piccole dosi di quotidianità commentate dal direttore della Rivista. Commenta i post, vota il tuo preferito per lasciare traccia dei tuoi gusti e visita l'archivio storico degli interventi.

Il cerca-notizie!

Consulta i nostri RSS, le notizie comparate tra i vari media italiani e spagnoli.

Con un solo strumento ora è possibile verificare come i media delle due nazioni affrontano lo stesso tema, scelto da te.

Marenostrum è la vetrina delle eccellenze del made in Italy in Spagna

Naviga i contenuti

Presentazione del premio giornalistico internazionale "Gaetano Scardocchia" - Prima edizione anno 2009. 4 maggio 2009.

I video dei ristoranti di Marenostrum

Panettoni
Grazie Mille, italian Bar Madrid
hoteles NH España