RedBlueDark SmallMediumLarge NarrowWideFluid
Un libro su Maria de Cardona, illustre nobildonna italo-spagnola PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 03 Gennaio 2014 11:13

Emilio Sarli, scrittore di Padula nel Salernitano, ha pubblicato una interessante biografia dal titolo La decima musa del Parnaso Maria de Cardona (Edizioni Youcanprint, 2012, ISBN 9788866184706, pp. 198), dedicata ad una nobildonna

 

discendente dal casato de Cardona, di origine catalana e del quale fu capostipite il cavaliere Ramòn Folch, Visconte della Terra di Cardona.

Dalla scrupolosa indagine delle antiche fonti documentarie, anche inedite, l’autore è riuscito a delineare il profilo intrigante di una signora d’altri tempi, saggia ed apprezzata feudataria (marchesa di Padula, contessa di Avellino, signora di Capaccio, di Altavilla Silentina, di Chiusano San Domenico, di Candida e di Bosa), imparentata con le prestigiose famiglie italiche dei Gonzaga, degli Estense e dei Sanseverino, rimatrice e cantante, talmente leggiadra ed erudita (occhi lucenti, neri, alquanto lunghetti, vivaci, e pieni di somma letitia; voce chiara soave angelica divina; dottissima nelle lettere latine e toscane) da far volare la fantasia di tanti poeti del suo tempo, che la paragonarono alla Selvaggia di Cino da Pistoia, alla Beatrice di Dante e alla Laura di Petrarca.

Tra i diversi rimatori che vollero celebrare Maria de Cardona con poemi, panegirici e sonetti, figurano Gesualdo, Minturno, Tansillo, Tasso, Lando e gli spagnoli Gutierre de Cetina e Garcilaso de la Vega: quest’ultimo, in un sonetto della raccolta Poesia castellana completa, magnificò la nobildonna quale décima moradora de Parnaso, definizione che ha suggerito il titolo al libro del Sarli.

La grazia di questa dama rinascimentale, che seppe incantare con lo stile, i versi e la voce le corti di Napoli, Ischia, Avellino e Ferrara, attrasse persino l’attenzione di Carlo V che, con una lettera scritta da Barcellona nel 1538, consigliò a Maria de Cardona il matrimonio con Francesco D’Este, figlio del Duca di Ferrara Alfonso I e di Lucrezia Borgia; la missiva è firmata dall’Imperatore con un cordiale Yo el Rey, a riprova dell’amicizia e della stima riservata alla nobildonna e al suo casato sempre fedele alla causa della Corona.

Oltre a questa lettera, nel libro sono riportate altre preziose epistole che documentano episodi di vita civile e familiare, restituendo anche un utile spaccato dello spirito dei tempi.

Il saggio ha anche il merito di aver inserito la biografia nelle coordinate storiche e culturali dei primi decenni del XVI secolo, segnati dalle feroci contese tra Francesi e Spagnoli per la conquista dell’Italia, nonché da una fervente azione e produzione culturale di cui furono protagonisti Leonardo, Michelangelo, Machiavelli, Ariosto, Tiziano, Bembo, Baldassare Castiglione.

L’opera di Emilio Sarli ha ottenuto vari riconoscimenti letterari, sia per il rigore storico del lavoro svolto e la completezza delle fonti scrutinate, sia per aver rivalutato una figura dimenticata, eppure riferimento culturale significativo nel Regno di Napoli, una sorta di Lorenzo il Magnifico al femminile, come Maria de Cardona è stata definita dal meridionalista Giovanni Russo in una recente segnalazione della biografia di Sarli nell’inserto culturale del Corriere della Sera.


Ultimo aggiornamento Venerdì 03 Gennaio 2014 11:23
 

All'interno del sito

il blog di marenostrum"E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Il blog del Direttore Giuseppe Di Claudio.

L'attualità, la politica, il costume, la società: piccole dosi di quotidianità commentate dal direttore della Rivista. Commenta i post, vota il tuo preferito per lasciare traccia dei tuoi gusti e visita l'archivio storico degli interventi.

Il cerca-notizie!

Consulta i nostri RSS, le notizie comparate tra i vari media italiani e spagnoli.

Con un solo strumento ora è possibile verificare come i media delle due nazioni affrontano lo stesso tema, scelto da te.

Marenostrum è la vetrina delle eccellenze del made in Italy in Spagna

Naviga i contenuti

Presentazione del premio giornalistico internazionale "Gaetano Scardocchia" - Prima edizione anno 2009. 4 maggio 2009.

I video dei ristoranti di Marenostrum

Grazie Mille, italian Bar Madrid
Panettoni
hoteles NH España