RedBlueDark SmallMediumLarge NarrowWideFluid
PAPPA E CICCIA? PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 21 Agosto 2007 12:09
ImageIL GOVERNO PRODI AI RIPARI: PER COMBATTERE L'EVASIONE FISCALE RICORRE ALLA CHIESA. 

Questa pazza estate del 2007 ha messo in chiaro l’ipocrisia della nostra classe politica, tutta, più attaccata al potere ed ai voti che le consentono di conservarlo che non all’impegno di garantire giustizia e benessere sociale.

L’ultima prova è stata offerta dal sermone che Romano Prodi ha rivolto alla Chiesa attraverso un’intervista rilasciata a Famiglia Cristiana. In poche parole, il Presidente del Consiglio, capo di quella maggioranza che vuole Dico, Pacs ed eutanasia, che toglie gli aiuti alle famiglie, che distribuisce il cosiddetto “Tesoretto” a pioggia e in maniera discrezionale, che mortifica la scuola e l’istruzione, chiede aiuto addirittura alla Chiesa per sollecitare i contribuenti a fare il proprio dovere, pagando le tasse, entrate necessarie per rimanere in sella.

Nell’intervista a Famiglia Cristiana dice Romano Prodi: “«Un terzo degli italiani evade. È inammissibile. Per cambiare mentalità occorre che tutti, a partire dagli educatori, facciano la loro parte, scuola e Chiesa comprese. Perché, quando vado a Messa, questo tema non è quasi mai toccato nelle omelie? Eppure ha una forte carica etica. Possibile che su 40 milioni di contribuenti sono solo 300 mila quelli che dichiarano più di 100 mila euro l'anno?».

"Il governo ha tra i suoi obiettivi «l'abbassamento delle imposte », ma, aggiunge il premier, «non sono uno scialacquatore: lo farò nel momento giusto, perché non voglio che la comunitá internazionale ci metta di nuovo in difficoltà. Preferisco essere impopolare piuttosto che passare per illusionista».

Apriti cielo! Le parole del premier scatenano la reazione sulla laicità dello Stato e sulla subordinazione dimostrata dai politici nei confronti della Chiesa. Critici un po’ tutti, in particolare quelli che hanno tutto da guadagnare da questo Paese del Bengodi.

Ma la gerarchia non si lascia scappare l’occasione per dimostrare – come sempre è stato – che nei momenti di crisi del potere civile, supplisce l’autorità morale della Chiesa - dalla calata dei barbari ad oggi è sempre stato così.

“Tutti dobbiamo fare il nostro dovere nel pagare le tasse, secondo leggi giuste”, dice il segretario di Stato Vaticano, Tarcisio Bertone. Commentando la proposta di uno sciopero fiscale lanciata da Bossi, il cardinale ricorda: “Noi siamo con il Vangelo, che dice date a Cesare quel che è di Cesare, e con San Paolo che invita a pagare le tasse”. “Il politico deve avere attenzione per i più deboli ed i poveri e deve far sì che non ci siano ingiustizie nella distribuzione delle risorse”.

'Credo che il cardinale Bertone debba essere ringraziato per la sensibilita' civile dimostrata', afferma in una nota il viceministro Visco. E' decisivo - secondo il viceministro dell'Economia - che ciascuno, governo, parlamento, forze politiche e sociali, cittadini, faccia la sua parte perche' da un lato prevalga il rispetto della legge e dall'altro vengano migliorate le norme che regolano la vita civile'.

Ma il prelato, in una successiva intervista al "Corriere mercantile" di Genova, si corregge: «Sono stato morbido con lui in un'intervista televisiva ma non conoscevo ancora la notizia che i parlamentari si erano aumentati lo stipendio, altrimenti...».
«I sacerdoti — ha detto ancora in quell'intervista Bertone — a volte sono accusati di entrare troppo nel campo del sociale. Adesso invece ci si chiede, penso anche giustamente, di toccare un punto specifico come quello del fisco».Questa è stata la conclusione del cardinale: «Un famoso giornalista italiano che in questi giorni ha commentato anche la lettera di Prodi anni fa invitò i sacerdoti a parlare al popolo di Dio più dell'al di là. Quindi dobbiamo equilibrare un po' i vari temi».

Tutto bene, siamo d’accordo: la Chiesa, secondo il governo Prodi, dovrebbe trasformarsi in una sorta di testimonial dell'Agenzia delle Entrate, e, quindi, dovrebbe stimolare i cittadini a pagare le tasse dovute a Cesare. A questo punto, però,  il galateo impone che a favore si risponda con un gesto di cortesia. Allora quando il Parlamento rivolgerà l’invito ai cattolici italiani a non disertare la messa domenicale?


Ultimo aggiornamento Martedì 21 Agosto 2007 12:40
 

All'interno del sito

il blog di marenostrum"E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Il blog del Direttore Giuseppe Di Claudio.

L'attualità, la politica, il costume, la società: piccole dosi di quotidianità commentate dal direttore della Rivista. Commenta i post, vota il tuo preferito per lasciare traccia dei tuoi gusti e visita l'archivio storico degli interventi.

Il cerca-notizie!

Consulta i nostri RSS, le notizie comparate tra i vari media italiani e spagnoli.

Con un solo strumento ora è possibile verificare come i media delle due nazioni affrontano lo stesso tema, scelto da te. 

Marenostrum è la vetrina delle eccellenze del made in Italy in Spagna

Naviga i contenuti

Presentazione del premio giornalistico internazionale "Gaetano Scardocchia" - Prima edizione anno 2009. 4 maggio 2009.

I video dei ristoranti di Marenostrum

hoteles NH España
Panettoni
Grazie Mille, italian Bar Madrid