RedBlueDark SmallMediumLarge NarrowWideFluid
Estradato camorrista dalla Spagna PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Di Claudio   
Sabato 20 Settembre 2008 10:15

Napoli, 19 set - Mentre a Napoli si ripeteva il miracolo di San Gennaro dopo le preghiere del cardinale Sepe, giungeva  a Roma,

all'aeroporto di Fiumicinio, il boss del clan camorristico Licciardi-Contini, Patrizio Bosti, arrestato a Girona, in Spagna il 10 agosto scorso. Bosti era inserito nella lista dei trenta latitanti piu' pericolosi.

Bosti, 50 anni, e' stato estradato dalla Spagna dopo l'arresto. Negli anni '80 e '90 era un personaggio di spicco della criminalita' organizzata operante nei quartieri napoletani Arenaccia e Poggioreale. Latitante dal 2003, e' stato riconosciuto colpevole dell'omicidio dei fratelli Antonio e Gennaro Giglio avvenuto a Napoli nella notte tra il 2 e il 3 settembre 1984.

Attualmente a capo dello stesso clan si occupava dell'introduzione in Italia di cocaina e altre sostanze stupefacenti, che poi veniva distribuita, tra l'altro, a esponenti di primo piano del clan ''Giuliano''.

La Corte d'Assise d'Appello di Napoli (terza sezione) aveva condannato il boss Patrizio Bosti a 23 anni di reclusione per concorso in duplice omicidio volontario. Nei confronti del boss era anche pendente un'ordinanza emessa dal gip di Napoli per gravi violazioni della vigente normativa sugli stupefacenti.

Bosti e' anche destinatario della misura di sicurezza detentiva della casa lavoro per un anno, applicata con decreto del magistrato di sorveglianza di Napoli e ordine di consegna emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli.

L'arresto ''eccellente'' del boss della camorra Patrizio Bosti e la sua estradizione in Italia avvenuta oggi e' stata resa possibile grazie ''all'ottima collaborazione con le autorita' di polizia spagnole'' e grazie al grande lavoro svolto dall'Interpol. E' quanto tengono a sottolineare dagli uffici romani Interpol, l'organismo di cooperazione internazionale di polizia, che dipende dalla Direzione centrale della polizia criminale, diretta dal prefetto Nicola Cavaliere.

Da Roma si commenta cosi' il nuovo successo delle forze dell'ordine contro la camorra dopo aver assicurato alla giustizia il boss del clan Liccardi-Contini, inserito nella lista dei trenta latitanti piu' pericolosi.

Gli investigatori si soffermano, in particolare, proprio su quello che viene definito ''l'esempio spagnolo'', come una positiva esperienza da esportare.

''Effettivamente con le autorita' spagnole la collaborazione e' eccellente - si afferma - ed ancora piu' importante se si pensa che e' ormai da tempo che abbiamo notato come i personaggi, anche di spicco, della camorra sembrano prediligere la Spagna come luogo di latitanza, forse anche perche' questa ha rappresentato, in passato, un crocevia importante nel traffico degli stupefacenti''.

Infine Interpol definisce quello di Bosti un ''arresto di alto livello''.


Ultimo aggiornamento Sabato 20 Settembre 2008 10:28
 

All'interno del sito

il blog di marenostrum"E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Il blog del Direttore Giuseppe Di Claudio.

L'attualità, la politica, il costume, la società: piccole dosi di quotidianità commentate dal direttore della Rivista. Commenta i post, vota il tuo preferito per lasciare traccia dei tuoi gusti e visita l'archivio storico degli interventi.

Il cerca-notizie!

Consulta i nostri RSS, le notizie comparate tra i vari media italiani e spagnoli.

Con un solo strumento ora è possibile verificare come i media delle due nazioni affrontano lo stesso tema, scelto da te.

Marenostrum è la vetrina delle eccellenze del made in Italy in Spagna

Naviga i contenuti

Presentazione del premio giornalistico internazionale "Gaetano Scardocchia" - Prima edizione anno 2009. 4 maggio 2009.

I video dei ristoranti di Marenostrum

hoteles NH España
Panettoni
Grazie Mille, italian Bar Madrid