il blog di marenostrum"E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Il blog del Direttore Giuseppe Di Claudio.

L'attualità, la politica, il costume, la società: piccole dosi di quotidianità commentate dal direttore della Rivista. Commenta i post, vota il tuo preferito per lasciare traccia dei tuoi gusti e visita l'archivio storico degli interventi.

RedBlueDark SmallMediumLarge NarrowWideFluid
Le intercettazioni: "Possiamo piglià tutto quello che ci pare"

Scritto da Giuseppe Di Claudio, 17-02-2010 17:34

Pagina vista : 5061    

Favoriti : 348

Proseguiamo con la pubblicazione delle intercettazioni riguardanti i lavori del post terremoto. I commenti li lasciamo ai lettori

 

Ci sono le feste «megagalattiche», gli appalti che si gonfiano per ricavare le percentuali da ridistribuire, le auto, le librerie, i soggiorni in hotel, le assunzioni di figli, nuore, figli degli amici, amici. 

E ci sono, corollario obbligato, le prostitute. Sembra mancare il denaro, ma gli investigatori hanno in proposito un’idea: accade che prima di incontrare Bertolaso l’imprenditore Diego Anemone si attivi alla ricerca di denaro contante, tanto che gli investigatori ritengono - scrive il gip Lupo - «che detti incontri siano finalizzati alla consegna di denaro a Bertolaso».

E’ il «sistema gelatinoso» che ruota intorno agli appalti per i grandi eventi, «il totale e incondizionato asservimento della pubblica funzione, demandata a Balducci, De Santis e della Giovanpaola, agli interessi di Anemone». E non solo, ci sono, di fondo, un cinismo e un senso di impunità che sgomentano.

Come quando arriva la notizia del terremoto e l’imprenditore Francesco Maria De Vito Piscicelli parla con il cognato Gagliardi che gli dice: «Occupati di sta roba del terremoto perché qui bisogna partire in quarta subito, non è che c’è un terremoto al giorno».

P: «Eh lo so (ride)».

G: «Così per dire, per carità... poveracci».

P: «Vabbuò, ciao».

G: «O no?».

P: «Eh, certo... io ridevo stamattina alle tre e mezzo dentro al letto».

G: «Io pure». Sì perché sono le intercettazioni telefoniche, ancora una volta, a svelare tutto ai magistrati.

E di fronte a queste il sindaco dell’Aquila sbotta: «Sono allibito. Sono forme di sciacallaggio che gettano ombra su tutti i fornitori che stanno lavorando alla ricostruzione».

La festa. E’ il 21 settembre 2008, Diego Anemone, imprenditore romano che ha rapporti stretti con Guido Bertolaso, parla con Simone Rossetti, il suo factotum allo Sporting Club Salaria (sequestrato poi dalla procura di Roma nell’inchiesta sui mondiali di nuoto) dell’organizzazione di una «cosa megagalattica» in favore del capo della Protezione civile.

Rossetti: «Capo».

Anemone: «Eccomi».

R: «Allora domenica prossima alle 8».

A: «Di quello che parlavamo prima?».

R: «Sì, sì. Cosa megagalattica».

A: «Ma lì da voi?».

R: «... chiudo il circolo due ore prima. Festa al centro benessere». Ancora Rossetti: «Tre persone con lui».

Il 25 settembre, Rossetti: «Quante situazioni devo creare?».

Anemone: «Io penso due, lui si diverte, due».

R: «Tre? Che ne so!».

A: «Eh la Madonna.... di qualità!».

R: «Assolutamente sempre».

La festa non si farà per impegni di Bertolaso che il 27 settembre chiama Anemone e dice: «Spero mi consentirai di approfittarne in un’altra occasione».

Il denaro. La mattina del 21 settembre 2008 (Anemone e Bertolaso hanno un appuntamento di lì a poco) l’imprenditore contatta per chiedere denaro, come altre volte, don Evaldo Biasini economo del Collegio del Preziosissimo sangue di Roma.

Anemone: «Scusa don Eva, scusa se ti scoccio... solo per rotture di coglioni... perché ieri... stamattina devo vedere una persona verso le 10 e mezzo. Tu come stai messo?».

Don Evaldo: «Di soldi? Qui ad Albano ce n’ho 10 (mila) soltanto. Giù a Roma potrei darteli, debbo poi portarli in Africa, mercoledì... vediamo un po’».

Patente per uccidere. Il magistrato scrive: «I soggetti protagonisti oltre a essere consapevoli del loro potere pressoché illimitato, hanno anche una vera e propria sindrome di impunità».

Lo si comprende bene da questa intercettazione del primo luglio 2009 fra Fabio De Santis e il fratello Marco a proposito degli interventi alla Maddalena. Fabio De Santis: «C’abbiamo la patente per uccidere... cioè possiamo piglià tutto quello che ci pare».

La cresta. Il 22 agosto 2008 l’architetto Marco Casamonti descrive al suo collaboratore Giovanni Polazzi i termini per l’accordo sui lavori alla Maddalena.

Casamonti: «Allora la storia sta così: lui ci dà 150mila euro mensili di anticipo tutti i mesi... va bene? Prendiamo il 2% su 60 milioni di euro già appaltati... su 63 primo lotto che sono il 2% 1 milione e 200mila... poi prendiamo il 3% sulle robe da appaltare nuove... e il 4% sugli arredi.... Sì, totale verrà un paio di milioni di euro... siccome sono in 10 mesi è una roba buona per noi».

Successivamente Casamonti spiega che può far lievitare l’importo complessivo dei lavori che gli sono stati affidati. Casamonti: «Grazie al mio intervento... insomma di riuscire a far crescere anche gli importi.. capito? Quello fidati è una cosa che me la curo io... secondo me ci vuole altri 60 milioni di lavori».

Fammi un favore. Dalle intercettazioni sbuca anche l’attuale direttore generale della Rai, Mauro Masi. Chiama più volte Angelo Balducci per chiedergli l’assunzione di una persona di Anacapri, Anthony Smit. Masi: «Un piacere personale...». L’assunzione verrà fatta.  


Commento dell'autore Commenti già inseriti Cita questo articolo in un sito web Favoriti Stampa Invia ad un amico Salva l'articolo in del.icio.us Articoli relazionati Leggi tutto...
PDF
Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Febbraio 2010 17:57
 

All'interno del sito

il blog di marenostrum"E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Il blog del Direttore Giuseppe Di Claudio.

L'attualità, la politica, il costume, la società: piccole dosi di quotidianità commentate dal direttore della Rivista. Commenta i post, vota il tuo preferito per lasciare traccia dei tuoi gusti e visita l'archivio storico degli interventi.

Il cerca-notizie!

Consulta i nostri RSS, le notizie comparate tra i vari media italiani e spagnoli.

Con un solo strumento ora è possibile verificare come i media delle due nazioni affrontano lo stesso tema, scelto da te. 

Marenostrum è la vetrina delle eccellenze del made in Italy in Spagna

Naviga i contenuti

Presentazione del premio giornalistico internazionale "Gaetano Scardocchia" - Prima edizione anno 2009. 4 maggio 2009.

I video dei ristoranti di Marenostrum

Panettoni
Grazie Mille, italian Bar Madrid
hoteles NH España