RedBlueDark SmallMediumLarge NarrowWideFluid
Il Mediterraneo – Lo spazio la storia gli uomini le tradizioni PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Sabato 26 Febbraio 2011 11:18

Lo spirito del Mediterraneo è giunto fino ai giorni nostri attraverso l’eredità classica che ha lasciato una profonda traccia nelle società che nel corso dei secoli si sono sviluppate nello spazio mediterraneo, anche solo marginalmente.

 

Un insegnamento incentrato sulla straordinaria combinazione dei principi di misura, ordine ed armonia, ossia i fondamenti che la società contemporanea sta lentamente perdendo insieme al dialogo tra i popoli, che sin dall’antichità ha rappresentato lo speciale legame tra le opposte sponde del Mare Nostrum.

È il filo conduttore di “Il Mediterraneo. Lo spazio la storia gli uomini le tradizioni” (Tascabili Bompiani, pp. 282, 8,50 euro), pietra miliare della storiografia del XX secolo, capolavoro dello storico francese Fernand Braudel pubblicato per la prima volta nel 1949 e testo ancora oggi fondamentale per conoscere il contributo delle diverse culture e ricostruire i processi di osmosi che hanno dato vita alla civiltà mediterranea.

L’autore descrive in maniera sublime l’antichissimo crocevia culturale che il Mediterraneo rappresenta ancora oggi, partendo dall’assunto che “essere stati è una condizione per essere”. Le numerose culture che si sono sviluppate, incontrate e mescolate nel bacino mediterraneo hanno contribuito al suo arricchimento ed a renderlo cosmopolita. Infatti, l’importazione di innumerevoli elementi da tutto il mondo ha fatto in modo che il Mediterraneo si evolvesse nella dimensione attuale, nella quale queste componenti gradualmente sono divenute parti costitutive della vita stessa dei suoi abitanti in tutti i differenti ambiti, dal paesaggio alla cucina.

Tuttavia ciò non ha stravolto la sua realtà, ma al contrario ha creato un sistema coerente in cui tutto partecipa della natura originaria, in cui ogni elemento si fonde in una piacevole armonia capace di sopravvivere alle minacce della modernità. Quali ad esempio il turismo, che nel ventesimo secolo è divenuto, come afferma Maurice Aymard, una “invasione pacifica ma non innocente”, che in nome di un breve periodo di svago, distrugge i fragili equilibri delle società esistenti, considerando la vita mediterranea un gioco e non una realtà da conoscere e nella quale perdersi. Alcuni capitoli lasciano il lettore incantato di fronte alla magnifica descrizione del divenire storico, dall’alba delle civiltà fino ai giorni nostri.

L’attività umana ha intessuto il rapporto tra il mare e la terra, tra questi due elementi contrapposti, permettendo loro di dialogare, trasformando tutta l’area mediterranea in un luogo di confronto, di scambio e di fusione di civiltà differenti. Nel corso dei secoli due civiltà hanno rappresentato, attraverso lo sviluppo dei loro imperi, il massimo progresso delle due sovracitate matrici originarie del Mediterraneo, Roma e Venezia. I capitoli incentrati sulla maestosità di queste due tra le più importanti città storiche sviluppatesi sulle sponde del Mediterraneo, sono quelli che risaltano maggiormente per accuratezza ed enfasi narrativa.

La Città eterna ha rappresentato un caso unico, che Jean Gaudemet definisce come “il miracolo romano”, poiché ha lasciato una eredità ideologica che, nel corso dei secoli, ha avuto un peso innegabile nel pensiero politico, fondamentalmente attraverso l’istituzione del diritto, a cui viene attribuito il ruolo di perno centrale dello sviluppo politico, economico e sociale della società umana. Dal canto suo, la città lagunare, sospesa tra la visione ed il sogno, rappresenta la sublime sintesi nella quale il reale e l’irreale si fondono, dove il tempo trascorre in maniera dissonante, dove il passato è onnipresente costituendo, con il nostro tempo, un’epoca unica atemporale, che Braudel riassume con una espressione straordinaria nella sua semplicità: “… qui tutto è attuale e insieme defunto e tuttavia vivo.”

Alla stesura del libro ha collaborato anche lo storico Georges Duby. Inoltre altri importanti studiosi, quali Filippo Coarelli, Maurice Aymard, Roger Arnaldez, Jean Gaudemet e Piergiorgio Solinas, hanno dato il loro contributo con la redazione di alcuni capitoli di questo meraviglioso libro, che rappresenta la tela sulla quale Fernand Braudel dipinge il Mare Nostrum come un meraviglioso affresco delle diverse culture storiche e del loro contributo millenario allo sviluppo della civiltà mediterranea.


Ultimo aggiornamento Sabato 26 Febbraio 2011 12:10
 

All'interno del sito

il blog di marenostrum"E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Il blog del Direttore Giuseppe Di Claudio.

L'attualità, la politica, il costume, la società: piccole dosi di quotidianità commentate dal direttore della Rivista. Commenta i post, vota il tuo preferito per lasciare traccia dei tuoi gusti e visita l'archivio storico degli interventi.

Il cerca-notizie!

Consulta i nostri RSS, le notizie comparate tra i vari media italiani e spagnoli.

Con un solo strumento ora è possibile verificare come i media delle due nazioni affrontano lo stesso tema, scelto da te.

Marenostrum è la vetrina delle eccellenze del made in Italy in Spagna

Naviga i contenuti

Presentazione del premio giornalistico internazionale "Gaetano Scardocchia" - Prima edizione anno 2009. 4 maggio 2009.

I video dei ristoranti di Marenostrum

Panettoni
Grazie Mille, italian Bar Madrid
hoteles NH España