Lutto Stampa
Scritto da Giuseppe Di Claudio   
Venerdì 10 Aprile 2009 05:39

Fissati per oggi alle 11 presso la Scuola Ispettori della Guardia di Finanza i funerali solenni delle vittime del terremoto. Una proposta dell'Arcivescovo che ha voluto far coincidere la data con il Venerdì santo.

Berlusconi lo ha confermato, aggiungendo che i funerali saranno celebrati da mons. Giuseppe Molinari, vescovo dell'Aquila. Intanto nella Scuola Sottufficiali, in un hangar, è stato allestito l'obitorio dove sono disposte le salme che continuano ad arrivare. I funerali saranno collettivi anche se finora sono state riconsegnate ai parenti 87 salme non originarie dell'Aquilano.

Intanto il bilancio dei morti provocati dal terremoto sale a 281. Venti sono bambini, undici corpi sono ancora da identificare. Sono i dati forniti dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, durante la conferenza stampa in corso all'Aquila. Il Premier ha chiesto di visitare il centro storico insieme a un gruppo ristretto di tecnici, per verificare direttamente lo stato del patrimonio storico e architettonico dell'Aquila e per una prima pianificazione sugli interventi da attuare.

Il presidente del Senato, Renato Schifani, è intervenuto in apertura di seduta per esprimere il cordoglio e la solidarietà dell'Assemblea alla popolazione abruzzese colpita dal terremoto. Schifani ha poi sospeso la seduta per 10 minuti in segno di lutto.

Papa Benedetto XVI ha intenzione di recarsi appena possibile in Abruzzo ma “non questa settimana di Pasqua “ e “verosimilmente nemmeno la prossima”, ha precisato il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi. “La visita del Papa ci dà speranza e forza per affrontare l'attuale situazione così difficile e dal futuro così incerto - ha detto mons. Molinari -. Siamo commossi e ringraziamo fin da ora il Santo Padre per la sua visita. La sua presenza è davvero consolante”.

Papa Benedetto XVI alle ore 12 e 30 ha telefonato all'arcivescovo dell'Aquila, Giuseppe Molinari, esprimendo tutto il suo dolore per l'accaduto e la vicinanza nella preghiera per tutti i fedeli della diocesi colpiti dal sisma. Il pontefice ha confermato personalmente all'arcivescovo la sua presenza tra i terremotati appena sarà possibile. Lo rende noto la diocesi del capoluogo abruzzese.