Cgia, in Italia costa 60 miliardi in piu' della tedesca

Scritto da Giuseppe Di Claudio, 03-09-2008 09:53

Pagina vista : 3491    

Favoriti : 285

Pubblica Amministrazione: in Italia costa 60 miliardi in più della tedesca -

Se in Germania, tra il 2000 e il 2007 la spesa per il personale pubblico, in percentuale al Pil, è scesa dall'8,1% al 6,9%, in Spagna è rimasta sostanzialmente invariata, in Italia le cose sono andate diversamente.

I costi sono passati dal 10,4% al 10,7% del Pil. E' quanto emerge da uno studio degli Artigiani di Mestre che mette a confronto i costi della Pubblica Amministrazione italiana con quella di due paesi federalisti come Spagna e Germania.

"In buona sostanza - sintetizza il segretario della CGIA di Mestre, Giuseppe Bortolussi - in Italia il costo della pubblica amministrazione è superiore di quasi 4 punti percentuali di pil, pari a circa 60 miliardi di euro rispetto alla Germania". Il confronto, che evidenzia l'aumento dei costi del nostro pubblico impiego - aggiunge Bortolussi - prosegue con risultati leggermente diversi quando si prende come parametro di riferimento la spesa del personale pubblico in percentuale sulla spesa primaria (ovvero, la spesa al netto degli interessi sul debito pubblico).

Se in Germania è in calo e si attesta nel 2007 al 16,9%, in Spagna si attesta al 27,5, in Italia rispetto al 2000 è in ribasso ma si colloca al 24,6% della spesa. L'analisi della CGIA di Mestre prosegue analizzando il numero dei dipendenti pubblici: in rapporto agli abitanti, in Italia ne abbiamo più di tedeschi e spagnoli. Se da noi ci sono 58 dipendenti pubblici ogni mille abitanti (in termini assoluti pari a 3.391.000 unità), in Germania e in Spagna ve ne sono poco più di 55 ogni mille (pari rispettivamente a 4.564.100 e 2.436.172 unità ).

Altrettanto impietoso è il confronto che emerge dalla distribuzione tra i vari livelli istituzionali di questi lavoratori pubblici. Se in Italia il 59% è alle dipendenze dello Stato centrale (e l'altro 41% è impiegato tra Regioni, Università ed Enti locali), in Germania solo il 10,5% lavora per lo Stato centrale e l'altro 89,5% è distribuito tra i Lander e le amministrazioni locali; in Spagna solo 22,4 dipendenti pubblici su cento sono impiegati per lo Stato centrale mentre il resto è suddiviso tra comunità autonome (50,2%) enti locali ed università (27,4%).


Commento dell'autore Commenti già inseriti Cita questo articolo in un sito web Favoriti Stampa Invia ad un amico Salva l'articolo in del.icio.us Articoli relazionati Leggi tutto...
Cgia, in Italia costa 60 miliardi in piu' della tedesca
Stampa
Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Settembre 2008 10:05